Su quali competente puntare nel nuovo mercato del lavoro

Al giorno d’oggi (ma anche nel prossimo futuro) il progresso tecnologico e produttivo  è in grande accelerazione. E, con la pandemia appena avvenuta, l’era della  tecnologia sembra dietro l'angolo. Allora su quali competenze puntare nel nuovo  mercato del lavoro?  

Nel corso degli ultimi tempi abbiamo visto scomparire taluni lavori e settori per dar  spazio all’esplosione di nuove professioni ed altre attività innovative che si  moltiplicano nell’era del capitalismo intellettuale e nell’attuale sfera evolutiva globale.  

Ed ecco che a macchia di leopardo si dispiega il progresso tecnologico. La  grandezza della città incide sulla velocità con cui questa evoluzione prende piede.  Ma la costante rimane la creazione di nuovi posti di lavoro, di nuove professioni e di  redditi più elevati.  

L’effetto fionda  

Tale situazione, che possiamo definire effetto fionda, crea una crescita lavorativa  che, come detto, coinvolge a cascata molteplici settori. Se, per esempio, l’azienda di  turno inserisce all’interno del proprio organico nuovi elementi, queste risorse  dovranno utilizzare il supporto di tassisti, barbieri ed altri servizi di prossimità. In  questo modo, aumentano le richieste per i posti di lavoro. E, aumentando le  opportunità lavorative, le zone limitrofe avranno un incremento demografico.  

Questo trend, nel corso del tempo, vivrà di un’accelerazione dovuta a forti leadership  e management che, collegati ad aumenti salariali ed a connessioni per la  realizzazione di nuovi progetti ed idee, decideranno la fortuna o meno del paese.  

Questo passaggio comporta anche sacrifici in termini di talune mansioni che  verranno automatizzate. Grandi piramidi operative assottigliano il proprio schema  organizzativo eliminando e digitalizzando passaggi intermedi di informazioni,  potendo così trasmettere ordini dalla fonte alla base senza intermediari. In questo  futuro le persone dovranno aggiungere skills e valore alla propria professionalità. In  questo modo l’azienda li potrà considerare come insostituibili. A dispetto del cambio  digitale.  

Quali sono le prossime tendenze nel mercato del lavoro?  

Secondo studi attendibili esistono almeno sette trend lavorativi che, nei prossimi  anni, prenderanno piede a causa della necessità delle aziende di avere leadership  con una maggiore flessibilità volta al raggiungimento di obiettivi. 

Upskilling e talent scarcity  

Ovvero la mancanza di talenti e la conseguente ricerca da parte delle aziende di  figure che portino a zero questo gap. La pandemia ha bloccato il mondo del lavoro  che ora è in ripresa. Ma, secondo l’Oecd, attualmente i mercati sono ancora lontani  dagli standard pre-pandemia. E la corsa all’inflazione sta facendo arrancare i settori  a bassa retribuzione. Ecco che le aziende hanno inserito questa nuova figura allo  scopo di gestire i propri talenti con upskilling e reskilling utili a proteggersi da  eventuali volatilità dei mercati, transizione verde, possibili crisi di approvvigionamenti  ed inflazione.  

Skill for leader  

Si tratta di una tendenza che nell’anno corrente sarà in costante crescita. Se spesso  si porta l’attenzione sulle upskilling o le reskilling che dovrebbe avere il personale, in  questo caso il focus è dedicato ai manager. E ha lo scopo di aggiornare le loro  capacità di leadership, cultura aziendale, retention e rapporti tra colleghi. Il tutto volto  ad una crescita dell’azienda. Per questo motivo molti brand hanno inserito una  nuova figura, il mass coaching per la  promozione delle diversità, che ha come obiettivo quello di creare una migliore  attenzione verso i bisogni dei clienti e la gestione di conflitti interni. E, quindi,  migliorare le capacità comunicative e far crescere il pensiero con spirito strategico.  Questo serve a migliorare i talenti interni all’azienda ed a evitare continui turnover di  personale.  

Mobilità interna  

Con questo termine intendiamo l’opportunità fornita ai dipendenti di accedere a  nuove proposte di sviluppo e di crescita all’interno dell’azienda. Il talent retention ha  un ruolo fondamentale in merito. Fornisce, infatti, un vantaggio competitivo alle  aziende più dinamiche.  

Soprattutto considerando che, attualmente, esiste un forte numero di realtà  professionali che non è in grado di dare ai propri lavoratori uno sviluppo ed una  cultura basati sulla crescita personale e professionale. Al momento, la maggior parte  dei professionisti opta per un cambio di occupazione a causa di una mancanza di crescita. Oltre che ad una più giusta  retribuzione ed ad un meritato equilibrio lavoro/ vita privata.  

A tal proposito, risulta sempre più necessario un intervento da parte dei dirigenti che  dovranno dare una più concreta attenzione a questa idea di valore aggiunto. 

Chief Human Resources Officer  

I Chro, ovvero i Chief Human Resources Officer, è un ruolo di cui sono rivestiti ad  oggi i talent manager, nuove forze motrici per i piani strategici. Sebbene sia tratti di  un trend nato dal 2020, con l’avvento del covid, avrà una forte ascesa in quest’anno,  grazie ai consigli di amministrazione e manager c-suite che vengono sempre più  spesso messi di fronte all’evidenza che, per avere un ottimo Ceo, si passa anche da  un ottimo Chro. Non più da consultare, ma da rendere più operativo.  

Lavorare in modo sostenibile  

L'investimento nella circolarità della forza lavoro sarà presto il must nel 2023.  Considerando che attraversiamo un periodo in cui i costi di energia e di  approvvigionamento hanno un impatto sempre maggiore nelle aziende, la  sostenibilità sta diventando un punto focale per le strategie di occupazione.  

La capacità dell'azienda di creare valore a lungo termine si collega con sempre più  vigore al benessere sia finanziario che fisico o mentale. E’ solo in questo modo che  si riesce ad ottenere una migliore attrattiva verso i talenti in ascesa.  

Dal momento che in qualunque settore è presente una forte concorrenza dettata  dalla trasparenza, non è più necessario solo un ottimo processo di onboarding, ma  diventa indispensabile anche la fornitura servizi per i dipendenti che sia in grado di  garantire una migliore strategia di formazione.  

Inclusività attiva  

Una delle prime affermazioni del nuovo ministro del lavoro Marina Calderone,  nominata dalla premier Giorgia Meloni, riguarda la necessità di coinvolgimento delle  agenzie private nel percorso domanda/offerta puntando all’inclusione attiva.  Secondo il politico, bisogna promuovere una maggiore efficienza delle politiche del  mercato ed una migliore protezione delle diverse occupazioni.  

Metaverso e web 3.0  

Questo è un tema molto sentito dai giovani che ritengono il metaverso una parte  integrante del loro prossimo futuro lavorativo. Infatti, seguendo uno studio fatto dal  Global Workforce of the Future, già il 46% dei giovani è portato a questo pensiero.  Mentre il 67% ha già avuto modo di lavorare per una Dao. O, comunque, sarebbe in  procinto di farlo.  

Questa opportunità permette di avere la possibilità di accrescere il proprio potere  decisionale su collaborazioni e tempi lavorativi. E, sebbene questi ultimi non abbiano  ancora risposte in termini di responsabilità e di strutture di gestione, i leader  aziendali non possono perdere la possibilità di tenersi aggiornati ed informati  rischiando di perdere una fetta di mercato. Ossia quella dello smart working. 

il lavoro da remoto è sempre più in ascesa. Soprattutto se si considera che il  metaverso sta creando nuovi spazi di lavoro ed interazione tra colleghi, facendo  cadere le barriere dello spazio. E migliorando gli engagement e le culture aziendali. 

Pubblicato il 30 gennaio 2023 in Orientamento Lavoro da Lorenzo Nincheri

Condividi sui tuoi social

   

Altri articoli che potrebbero interessarti

    
8 Aprile 2024 | Lavoro

Dress Code in Ufficio: Come Scegliere il Look Giusto per Ogni Occasione Professionale

Nel contesto professionale di oggi, il modo in cui ci presentiamo ha un impatto significativo sulle nostre opportunità di carriera e sulla percezione che gli altri hanno di noi. Un abbigliamento appropriato e curato è essenziale per trasmettere professionalità,...

Scopri di più
    
25 Marzo 2024 | Curriculum Vitae, Lettera di presentazione

Personal Branding attraverso la Lettera di Presentazione: tecniche per distinguersi

Nel mondo del lavoro attuale, dove la concorrenza è sempre più agguerrita, distinguersi diventa fondamentale. La lettera di presentazione rappresenta uno degli strumenti più potenti a disposizione dei candidati per fare proprio questo. Ma come trasformare questo documento...

Scopri di più

Le nostre credenziali

Atempo Spa è una realtà autorizzata, certificata e riconosciuta. Affidabilità e solidità per il vostro futuro lavorativo.

 
 

Ci teniamo alla tua privacy