Cosa desiderano i giovani che cercano lavoro

Cosa desiderano i giovani che cercano lavoro?

È fondamentale per le aziende al giorno d'oggi riuscire a capire quali siano gli obiettivi e le ambizioni delle nuove generazioni che si approcciano per la prima volta al mondo del lavoro. Ma anche identificare quali siano i progetti di chi ha già un impiego. È solo in questo modo, infatti, che le società riusciranno a  creare dei percorsi formativi e professionali ad hoc che permettano di reclutare candidati in  linea con le proprie mission aziendali. Ed evitare il fenomeno sempre più costante del turn over di massa da parte dei dipendenti.  

Quali sono, quindi, gli aspetti che vengono ricercati dalle nuove generazioni che si  approcciano al mondo del lavoro? Quali gli obiettivi che i giovani si fissano per decidere se  investire il proprio tempo e le proprie energie all'interno di uno specifico luogo di lavoro?  Scopriamolo insieme nel corso dei prossimi paragrafi.  

Flessibilità  

Questo termine ha iniziato a diffondersi con sempre maggiore frequenza in seguito alla  pandemia. Se prima il luogo di lavoro veniva visto come qualcosa di statico, ripetitivo e,  molto spesso, pure noioso, sono sempre di più le persone che, in seguito all'introduzione di  nuove forme lavorative come lo smart working, sono alla ricerca di aziende in grado di  proporre dei contratti flessibili. Sia in termini di orario di lavoro, che in termini di location dove  svolgere il proprio impiego.  

Basta, quindi, a interminabili code nel traffico per raggiungere l'ufficio. E basta anche con  orari di lavoro fissi scanditi dalla timbratura di un cartellino. Le nuove generazioni si  approcciano sempre più volentieri ad un concetto di remote working da svolgere in qualsiasi  parte del mondo e a degli orari che riescono a conciliare al meglio la work life balance.  

Le opportunità di sviluppo e di crescita  

Se fino a qualche tempo fa i lavoratori erano alla spasmodica ricerca di un'azienda in cui  venire assunti a contratto a tempo indeterminato e dove svolgere le proprie mansioni in  attesa dell'arrivo della pensione, le cose al giorno d'oggi sembrano essere molto cambiate.  Uno dei fattori determinanti che spingono o meno l'ago della bilancia sulla scelta di un  impiego da parte del candidato riguarda le opportunità di sviluppo e di crescita personale.  

Le nuove generazioni hanno dimostrato di avere la volontà di crescere, di darsi da fare, di  apprendere nuove nozioni e competenze.  

Non considerano minimamente ammissibile l'idea di trascorrere il resto della propria vita  facendo un lavoro che non permetta loro di esprimere le proprie competenze. Né tanto meno  di crescere professionalmente. 

Un'azienda che dimostra di non lasciare spazio ad un potenziale avanzamento di carriera o  all'opportunità di apprendere nuove mansioni, si ritroverà ad avere un costante turn-over di  personale. E questo ne risentirà particolarmente in termini di engagement.  

L'attenzione ai temi della sostenibilità  

Le nuove generazioni dimostrano ogni giorno di avere a cuore questo pianeta. E questa  attenzione nei confronti della sostenibilità si evidenzia anche nel momento in cui devono  decidere se iniziare a lavorare o meno presto un'azienda che offre loro un impiego.  Una società che svolge le proprie attività senza porre un minimo di attenzione nei confronti  dell’ambiente e che, anzi, realizza prodotti o servizi che potrebbero in qualche modo  danneggiare il nostro ecosistema, non sarà in grado di attrarre a sé i giovani.  Non dimentichiamo, infatti, che questi sono gli anni che hanno dato vita alla generazione di  Greta Thunberg e di fenomeni come l'impegno contro lo sfruttamento di economie emergenti  e la sostenibilità in termini sociali.  

I ragazzi del giorno d'oggi hanno dimostrato nel corso degli ultimi tempi la loro necessità a  sentirsi parte di qualcosa di più grande. E che, magari, riesca ad avere un impatto a livello  globale.  

Solo le aziende che saranno in grado nel corso del futuro più prossimo di prendere una  posizione netta riguardo a temi come il corporate social responsibility, saranno in grado di  avere una marcia in più in termini di engagement.  

Uno stipendio adeguato  

Nonostante le moltissime polemiche che si sono diffuse nella rete nel corso degli ultimi mesi  e che vedono i giovani come persone svogliate e poco propositive, c'è da dire che la realtà  dei fatti è opposta.  

Le nuove generazioni vengono spesso additate come un branco di mammoni che vuole  vivere in casa con i genitori per il resto della propria vita. Ma siamo sicuri che siano davvero  così le cose?  

I giovani reclamano sempre di più la loro voglia di indipendenza e la loro intenzione a  mettersi in gioco. Eppure, molto spesso, non riescono a raggiungere questi risultati perché il  mondo del lavoro non li mette nelle condizioni di potersi sostenere economicamente da soli.  Sempre più fatti di cronaca hanno dimostrato, infatti, che ci sono aziende che propongono  contratti farsa, senza alcun tipo di garanzia e che sfruttano la manodopera dei propri  dipendenti. E questo avviene sia nei confronti di ragazzi che hanno da poco concluso il  proprio percorso di studi alle scuole medie superiori, che ad adulti laureati.  È proprio per questo che le nuove generazioni sono alla ricerca di aziende che siano in  grado di offrire loro uno stipendio commisurato alle ore di lavoro eseguite e alle competenze  acquisite nel corso del tempo.  

Nessuno mette in discussione l'importanza della gavetta. Quello che viene criticato, invece,  è un sistema che prevede la proposta di contratti di lavoro senza garanzie in cui le persone  vengono sottopagate in relazione alla mole di lavoro eseguita. E, se si sono acquisite delle  competenze in uno specifico settore, è giusto che vengano riconosciute. 

Il rispetto  

Alla base di ogni tipo di relazione, sia essa personale o professionale, deve esserci il  rispetto. E questo è uno degli aspetti che richiedono a gran voce i giovani che cercano  lavoro. Avere a che fare con un'azienda che, una volta superato il momento dell’assunzione,  li getta nella mischia senza preoccuparsi minimamente di inserirli in modo adeguato  all'interno dello staff già presente in azienda o che non è in grado di ascoltare le loro  necessità, sono condizioni a cui nuovi lavoratori non vogliono più sottostare.  Stesso discorso vale per le tutele nei confronti di chi ha figli o famiglia. In seguito alla  pandemia sono stati moltissimi i lavoratori che hanno deciso di cambiare la propria  prospettiva per quel che riguarda il mondo del lavoro. Le persone non sono più disposte a  rinunciare alla propria vita personale per dedicarsi interamente al lavoro.  Un'azienda che è convinta che i propri dipendenti debbano vivere solo ed esclusivamente  per il lavoro, è destinata a continui turnover di personale. 

Pubblicato il 20 marzo 2023 in Orientamento Lavoro da Lorenzo Nincheri

Condividi sui tuoi social

   

Altri articoli che potrebbero interessarti

    
19 Giugno 2024 | Lavoro, Formazione, Curriculum Vitae, Lettera di presentazione, Colloquio

Tutte le date e sedi dei nostri Recruiting Day 2024 (in aggiornamento continuo!)

🌟 Scopri le Opportunità di Lavoro con Atempo Spa! 🚀 Sei alla ricerca della tua prima occupazione o desideri dare una svolta alla tua carriera? I Recruiting Day di Atempo Spa sono qui per te! Unisciti a noi per ottenere il massimo dalle tue competenze ed esperienze professionali! Potrai...

Scopri di più
    
10 Giugno 2024 | Lavoro, Formazione

A lezione dagli animali: cosa insegnano i nostri amici a quattro zampe sul lavoro di squadra

Gli animali hanno molto da insegnarci sul lavoro di squadra. Osservando il comportamento di specie diverse, possiamo trarre preziose lezioni su collaborazione, leadership, comunicazione e adattabilità. In questo articolo, esploreremo come i nostri amici a quattro zampe e altre creature della...

Scopri di più

Le nostre credenziali

Atempo Spa è una realtà autorizzata, certificata e riconosciuta. Affidabilità e solidità per il vostro futuro lavorativo.

 
 

Ci teniamo alla tua privacy