home > atempo informa > Le 5 domande che i recruiter si aspettano che tu faccia in un colloquio

Le 5 domande che i recruiter si aspettano che tu faccia in un colloquio

Pubblicato il 8 novembre 2021 in Consigli Curriculum e Colloquio da Lorenzo Nincheri

Il colloquio di lavoro è il momento più importante per fare “colpo” sui recruiter e gli addetti alla selezione del personale. Dovrai essere in grado di giocare al meglio le tue carte, così da attirare l’attenzione dei tuoi possibili futuri datori di lavoro. Tuttavia, ricorda che il colloquio non deve essere concepito come un esame in cui il tuo compito è solo quello di rispondere alle domande fatte dal recruiter. Il colloquio deve essere concepito come un dialogo tra datori di lavoro e candidati. Per questo motivo ci sono delle domande che inevitabilmente gli addetti alla selezione del personale si aspettano che tu faccia.  

Colloquio di lavoro come dialogo tra recruiter e candidati 

Durante un colloquio di lavoro è molto importante fare una buona impressione. Dovrai essere capace di attirare l’attenzione dei recruiter, di far capire quanto vali, quanto puoi essere utile all’azienda per contribuire al suo sviluppo, ma la cosa più importante è quella di sbaragliare la concorrenza. Esatto, non sarai certo l’unico candidato ad aspirare a quel determinato posto di lavoro. Dunque, rimboccati le maniche e cerca di giocare le tue carte nel migliore dei modi. Spesso, raccogliere informazioni sulla realtà professionale, sull’azienda e la sua posizione nel mercato non basta per fare un’ottima figura. Allo stesso tempo, saper rispondere alle domande che ti vengono fatte in sede di colloquio non è sufficiente, dovrai essere in grado di fare a tua volta delle domande. Il colloquio di lavoro oggi è concepito come un dialogo, un momento di incontro e scambio tra i recruiter ed i candidati. Non si tratta di un’intervista a senso unico. Il tuo compito è anche quello di porre dei quesiti, in maniera da farti vedere interessato al posto di lavoro ed in generale alle dinamiche aziendali.  

Perchè porre delle domande in sede di colloquio? 

Il colloquio è uno step significativo nella vita dei candidati e dunque di tutti coloro che sono alla ricerca di un posto di lavoro. Arrivare a sostenere un’intervista di lavoro non è qualcosa di scontato. Ti sarà capitato di inviare una miriade di Cv senza avere alcun tipo di risposta delle aziende. Ebbene, se verrai contattato per un colloquio devi giocare le tue carte nel migliore dei modi, senza lasciare nulla all’improvvisazione. Ovviamente è indispensabile ricercare tutte le informazioni possibili sull’azienda, la sua mission, la sua vision, la posizione che occupa nel mercato del lavoro, così come è importante cercare notizie sulla mansione professionale che andrai a ricoprire nel caso in cui sarai selezionato. Tuttavia, questo da solo non è più sufficiente. Devi anche saper formulare le giuste domande. Ci sono specifici quesiti che gli addetti alla selezione del personale si aspettano di ricevere. Quali sono? Vediamoli insieme. 

Le domande che i recruiter si aspettano di ricevere durante il colloquio

Come accennato nelle righe precedenti, ci sono determinate domande che gli addetti alla selezione del personale si aspettano di ricevere in fase di colloquio. Ecco i 5 quesiti da formulare al fine di fare una buona impressione, mostrandoti interessato, dinamico e pieno di iniziativa.  

1) Perchè avete scelto me e quali vantaggi posso portare alla vostra realtà aziendale?

Si tratta di una domanda strategica. Capire perché tra centinaia di candidati hanno chiamato proprio te, ti aiuterà a far leva su tutte quelle qualità che hanno colpito l’azienda, tanto da farti arrivare al colloquio di lavoro. Ed ancora, tale quesito ti farà capire in maniera diretta cosa quella determinata realtà professionale si aspetta da te e dal tuo operato. Anche questa è un’importante informazione che potrai sfruttare a tuo vantaggio durante tutta l’intervista di lavoro. 

2) Quali saranno precisamente le mie mansioni? 

Solitamente gli annunci di lavoro parlano delle mansioni da svolgere in maniera abbastanza generica, senza scendere nel particolare. Ecco perché un quesito del genere ti aiuterà a capire meglio ciò che realmente andrai a fare chiedendo di conoscere i dettagli lavorativi. Inoltre, chiedere informazioni sul progetto iniziale a cui parteciperai se sarai selezionato, ti farà apparire una persona già pronta a mettersi in gioco, affrontando a testa alta tutte le sfide che si presenteranno.  

3) Ci sono possibilità di carriera? 

Attraverso questa domanda, il recruiter capirà che da parte tua c’è una reale e concreta voglia di lavorare e di guardare al futuro, sia in termini di carriera personale sia in termini di crescita aziendale.  

4) Com’è lavorare per questa azienda? 

Potrebbe sembrare una domanda rischiosa ma in realtà ti farà apparire una persona curiosa ed interessata. Dalla risposta che ti verrà data potrai trarre importanti conclusioni sulla realtà aziendale così da capire se effettivamente si tratta di una cultura professionale che ti piace e che condividi.  

5) Sono previsti programmi di trainer e formazione? 

Ponendo questa domanda trasparirà tutto il tuo interesse e la voglia di imparare sempre di più per poter dare un reale valore aggiuntivo all’azienda. La volontà di acquisire nuove skills non è da poco e soprattutto è indispensabile per la crescita professionale, il tutto a prescindere dalla posizione occupata nell’azienda stessa.  

Queste sono alcune tra le principali domande che potrai porre al tuo recruiter in fase di colloquio. Ovviamente trova il momento giusto per farle, senza interrompere il tuo interlocutore mentre sta parlando e ti sta spiegando determinati aspetti del lavoro. Fai finta di prendere parte ad una normale conversazione, rispettando i tempi di chi ti sta di fronte. Cerca di mantenere la calma ed apparire sicuro di te e delle tue potenzialità, ma nello stesso tempo sii curioso, esprimi i tuoi eventuali dubbi e perplessità perché il colloquio significa anche avere dei chiarimenti e delle informazioni aggiuntive a quelle solitamente presenti nell’annuncio di lavoro.



Condividi sui tuoi social

   
 

SEGUICI SU FACEBOOK

CERCHI LAVORO?
Un servizio gratuito che Atempospa.it mette a disposizione di coloro che vogliono entrare nel mondo del lavoro per la prima volta o vogliono cambiare lavoro in maniera dinamica!

Invia il tuo Curriculum
SEI UN'AZIENDA?
Registrarsi come azienda in Atempospa.it è il sistema più facile e semplice per poter cercare il personale qualificato in ogni momento e secondo le vostre esigenze.

Registrati
VUOI LAVORARE CON NOI?
Siamo sempre aperti a valutare talenti alla ricerca di nuove sfide lavorative.

Candidati

ULTIME NOTIZIE

LE NOSTRE CREDENZIALI

Atempo Spa è una realtà autorizzata, certificata e riconosciuta. Affidabilità e solidità per il vostro futuro lavorativo.