home > atempo informa > Curriculum Vitae Digitale: come farsi notare dai recruiter

Curriculum Vitae Digitale: come farsi notare dai recruiter

Pubblicato il 31 ottobre 2019 in CV e Colloquio

Il mondo digitale è ormai diventato parte integrante del mercato del lavoro. Le offerte vengono pubblicate online, i professionisti si mettono in contatto con le aziende direttamente tramite le piattaforme digitali e tutto è ormai interattivo e a portata di click. In questo quadro, quindi, diventa facile capire perché avere un buon Curriculum Vitae Digitale è diventato importante oggi, dato che per chi sta cercando lavoro è sempre fondamentale rimanere al passo con i tempi.


Curriculum Vitae Digitale: cos’è


Secondo recenti studi le nuove generazioni, specie gli studenti che presto si affacceranno al mondo del lavoro, sono perfettamente consapevoli di quanto sia importante oggi riuscire a proporsi ai recruiter tramite un buon Curriculum Vitae Digitale. I più giovani, che non sono altro che i professionisti del futuro, considerano infatti il curriculum vitae tradizionale un modello obsoleto e poco efficace.


Il mercato del lavoro, come anticipato sopra, è cambiato, si è evoluto, e ciò significa che anche i mezzi di interscambio e di comunicazione in questo settore devono cambiare, curriculum vitae compreso. Il Cv in formato digitale, dunque, non fa altro che rispecchiare il modo in cui è cambiata l’interazione tra domanda e offerta di lavoro, la giusta e puntale risposta all’evoluzione e allo sviluppo digitale, due aspetti che hanno influenzato anche questo settore.


Ma di preciso, che cos’è un Curriculum Vitae Digitale? Qual è la sua esatta definizione?


Pur essendo oggi molto popolare, non è possibile dare in maniera precisa e a priori la definizione di “Curriculum Vitae Ditale”. La verità è che questo può presentarsi in vari modi, essere strutturato in maniera sempre diversa, perché nella categoria dei Curriculum Vitae Digitali rientrano in realtà tutti i cv in formato elettronico - digitale.


Un profilo LinkedIn, per esempio, può essere considerato un Curriculum Vitae Digitale, ma anche una pagina Facebook o un sito internet personale, creati apposta per pubblicizzare la propria attività.


Curriculum Vitae Digitale: perché è importante


I Curriculum Vitae Digitali spesso vengono considerati adatti soprattutto per chi lavora nel settore creativo (grafici, editor, copywriter, fotografi professionisti etc.), ovvero perfetti per chi, con il mondo digital, si interfaccia tutti i giorni. Giunti a questo punto, però, è necessario fare una riflessione, e rimarcare un concetto già  accennato sopra, e cioè: oggi, praticamente ogni settore è digitale.


È possibile comunque che tu possa operare in un campo dove non è ancora molto diffuso l’utilizzo di cv in formato digitale ma, paradossalmente, questo potrebbe essere un motivo in più per non tirarti indietro, perché questo ti permetterebbe di distinguerti. La crisi occupazionale è un problema con cui tutti al giorno d’oggi devono fare i conti. La realtà dei fatti è che spesso, per ogni posto di lavoro disponibile, il numero delle persone che si propongono per quel ruolo è incredibilmente alto.
Distinguerti e fare colpo sui recruiter, che probabilmente utilizzeranno anche il web (e soprattutto i social) per acquisire informazioni sui candidati, può perciò fare la differenza. Emergere rispetto alla massa, quindi, non è mai stato così importante.


Un profilo LinkedIn ben strutturato o un sito web personale sono un ottimo modo per raccontarti ai recruiter, dare tutte le informazioni necessarie per definire il tuo profilo e, allo stesso tempo, dare prova di avere anche buone capacità digitali e di essere una persona proattiva, con tanta voglia di fare e di mettersi in gioco.


Le principali differenze rispetto al curriculum vitae “tradizionale”


La differenza tra un Curriculum Vitae Digitale e un curriculum “tradizionale” sta – essenzialmente – nella struttura stessa dei due formati. Il curriculum vitae tradizionale, per quanto originale possa essere, segue sempre una costruzione ben precisa, consistente in una lista di informazioni precise sulla tua professione (dati personali, esperienze, formazione, conoscenze e competenze personali etc.). Si tratta di un’elencazione ordinata spesso spalmata su uno o più fogli, salvati in word o pdf e stampabili.


Il Curriculum Vitae Digitale, invece, è decisamente più creativo e ti dà la possibilità di presentarti ai recruiter in maniera diversa. Un cv in formato digitale è molto più di impatto rispetto a quello classico. È interattivo, il che vuol dire che oltre che personalizzabile il cv digitale consente di aggiungere alla tua presentazione collegamenti che riportano a siti esterni, come un link diretto alle tue pagine social (Facebook, Twitter, Instagram) o a contenuti realizzati per aziende e clienti (articoli scritti per blog e magazine online, progetti che è possibile consultare online, premi e riconoscimenti ottenuti per il lavoro svolto).


In linea generale, comunque, la differenza principale tra un CV tradizionale e un digitale coincide con tutte le  funzionalità extra che si possono includere, approfondimenti ed arricchimenti che di certo non possono essere inseriti in un curriculum vitae cartaceo.


Curriculum Vitae Digitale: come crearlo e fare colpo sui recruiter


Oggi ci sono diversi servizi online finalizzati alla creazione di Curriculum Vitae Digitali, da LinkedIn a Facebook, fino ad arrivare alle più svariate piattaforme (sia gratuite che a pagamento).
A prescindere dal formato che vuoi usare, però, solo una giusta formattazione e organizzazione delle tue skill professionali e personali possono fare la differenza in questi casi.


Linee guida


Il Curriculum Vitae Digitale, pur essendo diverso da un curriculum vitae classico (per i motivi già ampliamente spiegati), presenta dei punti in comune con quello classico. Quando si tratta di contenuti e informazioni da includere, infatti, non c'è molta differenza rispetto ai CV tradizionali.
Anche in un Curriculum Vitae Digitale devono essere incluse tutte le informazioni importanti come la tua storia lavorativa, le competenze e i risultati ottenuti in ambito professionale. Quello che farà la differenza è il modo in cui fornirai queste informazioni e, per quanto ti possa impegnare per essere originale e fuori dagli schemi, è importante che qualsiasi notizia riportata sia chiara, precisa e non confusionaria. Per questo motivo è importante usare caratteri standard e non formati o misure particolari che potrebbero rendere difficile la lettura.


Immagini e caratteri speciali aggiuntivi potrebbero non andare bene, specie in quei settori ancora molto tradizionalisti. Il mondo in cui opera un avvocato o un commercialista è sicuramente diverso da quello di un creativo. In molti casi, inoltre, grafici ed elementi extra (diversi da quelli convenzionali) potrebbero non convertirsi correttamente da un dispositivo all'altro, rendendo la visione del tuo curriculum ancora più complessa.


Inutile perdersi in dettagli inutili poiché, anche in questo caso, ciò che conta è puntare sulle tue capacità, sulle soft skill possedute e non sottovalutare l’importanza delle parole chiave, ovvero di tutte quelle parole e frasi particolari che descrivono in maniera semplice e concisa le tue abilità.
Se pensi anche in un’ottica ad ampio raggio, un Curriculum Vitae Digitale deve fare colpo sulle aziende ma deve anche essere “cliccabile”. Questo vuol dire che se il responsabile di una società è alla ricerca di una figura precisa per il suo organico, è molto probabile che userà internet e i vari motori di ricerca per trovare la persona che sta cercando. Se non metti ben in vista le tue competenze fin a subito, quindi, nessuno perderà tempo a leggere il curriculum di qualcuno che – anche solo apparentemente – non ha niente da offrire. Una buona idea, in questo senso, potrebbe essere quella di studiare le offerte di lavoro e puntare su parole e soft skill più ricercate dai recruiter per le posizioni di maggiore interesse.


Curriculum vitae digitale: 3 regole da seguire se vuoi ottenere risultati

Non è detto che avere un Curriculum Vitae Digitale perfetto ti faccia ottenere con sicurezza il lavoro perfetto. Averlo, però, può aprirti tante porte e spianarti la strada da un punto di vista professionale, dando alla tua carriera la spinta necessaria. Spesso consulenti di carriera e recruiter, a seconda del settore lavorativo considerato, hanno opinioni diverse su come dovrebbe apparire un cv in formato digitale. Detto questo, però, vi sono delle regole generali un po’ valide per tutti, consigli dai quali chiunque può (e in un certo senso deve) tenere conto nella realizzazione di un Curriculum Digitale.


Tenere sempre conto dei destinatari


Quando progetti qualcosa destinata al Web (un blog, un servizio, un sito internet etc.) devi iniziare sempre con alcune analisi di mercato, volte ad individuare il pubblico di riferimento. Il Curriculum Vitae Digitale deve essere pensato come un sito web personale, che "digitalmente" si deve rivolge al pubblico di riferimento, composto essenzialmente da: specialisti delle Risorse Umane, recruiter, manager/responsabili aziendali, imprese e potenziali datori di lavoro.


Puntare su una buona presentazione


Anche nel caso del Curriculum Vitae Digitale, la prima impressione è ciò che conta. Riuscire a presentarti bene fin da subito, dunque, è importantissimo. Continuando a fare il paragone con un classico sito web, la pagina dedicata alla descrizione del profilo e delle competenze corrisponde al classico “Chi siamo” di un qualsiasi portale aziendale. La tua presentazione, pertanto, deve essere breve ma efficace, capace di non annoiare ma di catturare l’attenzione con poche e semplici parole.


Mai perdere di vista l’obiettivo finale


Il Curriculum Vitae Digitale devi redigerlo in modo tale che tutto sia funzionale al tipo di professione che hai intenzione di fare. Se sei un fotografo alle prime armi, per esempio, sarà importante dare il giusto spazio ai tuoi lavori, puntando su quelli che più ti permetteranno di lavorare (ad esempio i matrimoni, i reportage, le foto artistiche o d’autore etc.). I potenziali clienti o i futuri datori di lavoro sono più interessati a vedere e valutare cosa un professionista è in grado di fare, per questo motivo una sezione appositamente dedicata ai propri lavori o l’inserimento di link che a questi rimandino sarà molto più efficace di un elenco puntato di progetti ed esperienze fatte. Ovviamente, anche questa volta, la consultazione delle varie sezioni deve essere facile ed
intuitiva.


Attenzione, infine, ad eventuali errori di battitura o grammaticali. Molti cv oggi vengono scartati a priori per via di queste sviste, imperdonabili secondo molti recruiter. Può sembrare ovvio ma controllare il contenuto del cv, oltre che concentrarti sull'aspetto in generale, rimanere uno degli step più importanti anche quando si tratta di Curriculum Vitae Digitale.



Condividi sui tuoi social

   
CERCHI LAVORO?
Un servizio gratuito che Atempospa.it mette a disposizione di coloro che vogliono entrare nel mondo del lavoro per la prima volta o vogliono cambiare lavoro in maniera dinamica!

Invia il tuo Curriculum
SEI UN'AZIENDA?
Registrarsi come azienda in Atempospa.it è il sistema più facile e semplice per poter cercare il personale qualificato in ogni momento e secondo le vostre esigenze.

Registrati
VUOI LAVORARE CON NOI?
Siamo sempre aperti a valutare talenti alla ricerca di nuove sfide lavorative. Candidati

ULTIME NOTIZIE

LE NOSTRE CREDENZIALI

Atempo Spa è una realtà autorizzata, certificata e riconosciuta. Affidabilità e solidità per il vostro futuro lavorativo.