home > atempo informa > Curriculum Vitae: strategie per superare il test dei 31 secondi

Curriculum Vitae: strategie per superare il test dei 31 secondi

Pubblicato il 26 aprilee 2022 in Consigli Curriculum e Colloquio da Lorenzo Nincheri

Stai cercando un nuovo impiego? Hai consultato le offerte di lavoro e ne hai già trovata  qualcuna di interessante? Hai già aggiornato il tuo CV? Ma sei sicuro che il tuo curriculum  sia in grado di attirare l’attenzione dei recruiter? La cosa migliore da fare, è quella di scoprire  se il documento in questione riesca a superare il test dei 31 secondi.  

Nel corso dei prossimi paragrafi andremo a scoprire quali sono le caratteristiche che  interessano ai selezionatori. E come, eventualmente, modificare la propria presentazione al  fine di essere chiamati per un colloquio conoscitivo.  

Il test dei 31 secondi  

Al giorno d’oggi il tempo è sempre troppo poco. E questo accade anche per i recruiter, che si  occupano di visionare quotidianamente centinaia di CV per le varie offerte di lavoro. Una  recente indagine che è stata condotta in diversi stati, tra cui Germania, Francia, Olanda e  Stati Uniti, avrebbe dimostrato che un responsabile del personale impiega 31 secondi per la valutazione di un  curriculum.  

Un recruiter con esperienza sa perfettamente quali siano i punti su cui concentrare la propria  attenzione. E quali le caratteristiche che il candidato ideale dovrebbe avere per ricoprire la  posizione scoperta.  

E’ così che diventa davvero indispensabile cercare di rendere il proprio cv quanto più  interessante e perfetto possibile. In questo modo, si aumenteranno le possibilità di catturare  l’attenzione di un selezionatore. Ma quali sono le caratteristiche che dovrebbe riportare  questo documento per superare il test dei 31 secondi?  

Perché 31 secondi?  

Negli ultimi tempi le attività di ricerca e selezione del personale vengono accostate sempre  più spesso ad altre mansioni. Il risultato è che il recruiter ha sempre meno tempo a  disposizione per concentrarsi sulla scrematura iniziale dei curriculum.  Questo significa che la visione di un singolo CV e la sua conseguente prima valutazione  avvengono con delle dinamiche molto veloci. Almeno in una prima fase iniziale.  Ma perché 31 secondi? Se si pensa, ad esempio, al tempo che una persona impiega a  redigere o ad aggiornare il proprio curriculum, questi pochi attimi sembrano un lasso di  tempo decisamente sproporzionato. Ma proviamo ad immaginare all’attività che svolge  quotidianamente un selezionatore. Se il suo compito è quello di visionare il CV di un  centinaio di persone al giorno, cosa accadrebbe se, anche solo per una semplice  scrematura, dovesse dedicare 10 minuti per ogni candidato?  

Ovviamente, l’analisi approfondita del candidato che avviene dopo un primo processo di  scrematura, viene fatta dedicando tutto il tempo necessario. Ma per passare alla seconda  fase di studio delle skills del nuovo potenziale dipendente, è necessario che la sua  presentazione cartacea colpisca il selezionatore. 

Le caratteristiche per un CV di successo  

Quali sono, quindi, le strategie che possono trasformare il proprio CV in una candidatura di  successo? Se andiamo a considerare il test dei 31 secondi, è inevitabile iniziare a cambiare  la propria mentalità in termini di impaginazione e struttura del documento.  Il nostro consiglio, in questi casi, è quello di riprendere in mano il proprio curriculum e  iniziare a pensare a delle modifiche che bisogna eventualmente applicare al fine di catturare  immediatamente l’attenzione di chi lo legge.  

Ma scopriamo insieme di seguito quali sono i punti su cui focalizzarsi.  

Layout  

Partendo dal presupposto che un selezionatore ha pochissimo tempo a disposizione per  fare una scrematura dei CV che riceve, è opportuno iniziare ad adeguare il documento di  conseguenza.  

Il primo step da prendere in considerazione riguarda il layout. Ossia, l’impaginazione. Un  buon consiglio, in questi casi, è quello di raccogliere le informazioni che riguardano la  propria formazione scolastica, le skills e le precedenti esperienze lavorative in paragrafi  chiari e sintetici. In questo modo il candidato riuscirà ad agevolare il lavoro del recruiter,  fornendo immediatamente una buona impressione di sé. Ma non solo.  In questo modo sarà ancora più semplice mettere in evidenza le proprie caratteristiche più  interessanti. Ed evitare che alcune informazioni vengano perse all’interno del documento. E,  se si hanno i requisiti idonei, il proprio CV verrà subito inserito tra la rosa di candidati da  contattare per un colloquio conoscitivo.  

Mettere in risalto la propria personalità  

È ovvio che attraverso un colloquio conoscitivo con il selezionatore risulta più facile parlare  di sé e spiegare il motivo di eventuali periodi di inattività. Tuttavia, per arrivare  all’appuntamento vis a vis tanto ambito, è necessario catturare l’attenzione del recruiter già  dal cv. E come? Qual è il modo migliore per mettere su carta (o su file) la propria personalità  e contraddistinguersi dagli altri candidati?  

Adattare la struttura del proprio curriculum in base al proprio lavoro o alle esperienze  lavorative, può essere sicuramente di aiuto. Se, ad esempio, si svolge qualche lavoro  creativo come il copywriter o il designer, è possibile pensare alla creazione di un portfolio  con i progetti o i lavori eseguiti in passato, lasciando libero sfogo (per quanto possibile) alla  propria creatività. Se, invece, ci si candida per una mansione d’ufficio, come il responsabile  amministrativo, il contabile o la segretaria, sarebbe meglio optare per una struttura più  semplice e senza troppi fronzoli.  

E nel caso in cui si fossero trascorsi dei periodi di inattività oppure si voglia raccontare  qualcosa di sé? Nel caso si sentisse la necessità di fornire ulteriori spiegazioni o  informazioni, si può sempre dedicare uno spazio di poche righe (ne bastano due o tre) in cui  raccontare se stessi. Magari riportando i risultati raggiunti o le conoscenze acquisite  durante le ultime esperienze lavorative. Ma, comunque, sarebbe meglio limitarsi a parlare di fatti o skills che possono essere determinanti per svolgere le proprie mansioni con successo  nel nuovo lavoro.



Condividi sui tuoi social

   
 

SEGUICI SU FACEBOOK

CERCHI LAVORO?
Un servizio gratuito che Atempospa.it mette a disposizione di coloro che vogliono entrare nel mondo del lavoro per la prima volta o vogliono cambiare lavoro in maniera dinamica!

Invia il tuo Curriculum
SEI UN'AZIENDA?
Registrarsi come azienda in Atempospa.it è il sistema più facile e semplice per poter cercare il personale qualificato in ogni momento e secondo le vostre esigenze.

Registrati
VUOI LAVORARE CON NOI?
Siamo sempre aperti a valutare talenti alla ricerca di nuove sfide lavorative.

Candidati

ULTIME NOTIZIE

LE NOSTRE CREDENZIALI

Atempo Spa è una realtà autorizzata, certificata e riconosciuta. Affidabilità e solidità per il vostro futuro lavorativo.