home > atempo informa > Come fare rete nella nuova era del lavoro

Come fare rete nella nuova era del lavoro

Pubblicato il 30 agosto 2021 in Consigli posto di lavoro da Lorenzo Nincheri

Fare rete è una delle necessità diventata ormai imprescindibile nella nuova era del lavoro. Lo scopo di questa attività è innanzitutto quello di raggiungere nuove opportunità lavorative.  Ma significa anche confrontarsi con professionisti dello stesso settore, ottimizzare le proprie  competenze lavorative e migliorare il proprio brand personale.  

Ma come fare? Quali sono le migliori strategie utili a creare attorno a sé una sorta di  networking professionale che sia il più produttivo possibile? E che aiuti, magari, a migliorare  la propria carriera o le proprie performance lavorative? Vediamolo insieme.  

Dedicare il giusto tempo al networking professionale  

Una recente indagine svolta da Linkedin ha messo in luce un aspetto cruciale sul piano  lavorativo. Oltre il 26% dei professionisti, infatti, ha dichiarato di non essere in grado di  trovare il tempo da dedicare alle relazioni professionali.  

Accade con sempre maggiore frequenza che, durante il corso della giornata, ci si concentri  sull’adempimento delle mansioni giornaliere, delle commissioni familiari e degli impegni  personali. E’ così che, anche il tempo libero a propria disposizione, viene sacrificato per lo  svolgimento di attività più o meno piacevoli. A discapito, però, del networking professionale.  La soluzione migliore, in questi casi, è quella di sfruttare al meglio i piccoli spazi di tempo  durante la giornata. Come, ad esempio, una pausa caffè per fare una telefonata oppure un  brunch per un incontro vis a vis. Alle volte, può bastare davvero poco per dare il via ad una  nuova conoscenza.  

Approfittare dei momenti non tradizionali  

Al giorno d’oggi sono sempre più le persone che prediligono affrontare un incontro  professionale di tipo non tradizionale. Per discutere di questioni importanti, infatti, le riunioni  formali vengono accantonate per lasciare più spazio, invece, a momenti di condivisione più  piacevoli e meno impostati. Come, ad esempio, un allenamento in palestra o una partita a  squash.  

Soluzioni come queste, vengono apprezzate sia da parte dei manager che tra lavoratori alle  prime armi. Si tratta di un buon sistema, infatti, per fare nuove conoscenze, ma anche per  aumentare le proprie abilità di multitasking.  

Dedicare almeno 5 minuti al giorno al proprio obiettivo  

Come è stato anticipato in precedenza, non occorre spendere moltissimo tempo per  ottenere dei buoni risultati in ambito di networking professionale. Basta anche solo una  manciata di minuti al giorno, sempre se fatta in modo attento e oculato.  La soluzione migliore, in questi casi, è quella di fissarsi un obiettivo settimanale. Come, ad  esempio, quello di entrare in contatto con almeno uno o due professionisti del proprio  settore. Non è necessario incontrarle immediatamente di persona. Va bene anche mandare  loro una breve mail in cui viene spiegato loro il motivo per cui incontrarli.  Tra queste righe è importante presentarsi e informarle immediatamente del perché le si sta  contattando. Durante questa fase, è giusto trasmettere loro la propria visione di una potenziale collaborazione. Ma, soprattutto, bisognerà porre l’attenzione su quanto il  contributo possa diventare essenziale per entrambi. In questo modo, fare rete risulterà  sicuramente più semplice e immediato.  

Sfruttare i social  

Sul web sono presenti molti social che rendono possibile una comunicazione di alto livello  tra professionisti dello stesso settore. Uno di questi è, ad esempio, Linkedin. Qui è possibile  entrare in contatto con persone che hanno profili molto simili al proprio. O che hanno le  stesse passioni. Basta un semplice clic per collegarsi ad account che potrebbero risultare  molto interessanti per sviluppare i propri progetti di business.  

In questo caso, il consiglio è quello di informarsi per bene riguardo ad alcuni professionisti  prima di avviare una potenziale conversazione. Saranno i primi ad apprezzare che qualcuno  conosce i progetti che hanno realizzato. E, di conseguenza, più inclini ad avviare una  collaborazione.  

Elaborare una carta vincente  

Nel momento in cui ci si inizia ad approcciare al networking lavorativo, è indispensabile  ricordare che anche i professionisti con cui si entrerà in contatto si informeranno, prima di  avviare una potenziale collaborazione.  

Partendo da questo presupposto, è indispensabile partire ben preparati. Nonostante ci siano  dei dettagli della propria carriera che possono subito balzare all’occhio, esistono anche delle  sfumature che, magari, possono passare in secondo piano. Se non, addirittura, non  emergere proprio.  

La soluzione migliore in questi casi è quella di prendere l’iniziativa e presentare ai  professionisti con cui si vuole entrare in contatto le proprie esperienze. Una valida opzione è quella di  scrivere le proprie vittorie, ma anche eventuali proposte. In questo modo, il proprio  interlocutore avrà di fronte una visione più chiara della situazione e potrà rileggere il tutto  con calma in un secondo momento.  

Accettare solo incontri di valore  

Per fare rete massimizzando al massimo il tempo che si ha a disposizione, è necessario fare  una selezione dei professionisti da contattare, dando la priorità a coloro che possono portare  ad incontri di valore. Sia sotto un punto di vista economico, che per una questione di  personal branding. Gli sviluppi positivi, infatti, non devono limitarsi solamente ad una  questione monetaria. Ma possono riguardare anche delle opportunità di entrare in contatto  con proposte lavorative interessanti. O a progetti che potrebbero portare una svolta alla  propria immagine professionale, aumentando così la propria credibilità e le possibilità di  carriera future. 

Fissare un tempo massimo per gli incontri  

Se ci si sta approcciando a fare attività di network professionale, è indispensabile tenere a  mente che la propria rete di contatti non la si costruisce in un giorno. A tal proposito, è  opportuno dedicare ad ogni incontro il giusto tempo. Ma, soprattutto, rispettarlo.  Nel caso in cui, ad esempio, ci si sia posti l’obiettivo di dedicare solo 15 minuti ad una  telefonata, è bene essere chiari fin da subito con il proprio interlocutore. E rispettare i termini  prefissati. Il rischio è quello di avere poi dei problemi con l’organizzazione della propria  giornata. Ma anche di apparire scocciati o distratti.  

Apparire efficace nell’elevator pitch  

Con il termine di elevator pitch ci si riferisce al discorso di presentazione che si fa per  questioni lavorative. Durante questo piccolo monologo bisogna cercare di risultare il quanto  più possibili efficaci, ma anche chiari e sintetici. Altrimenti si rischia di risultare noiosi. O che,  addirittura, il proprio interlocutore non capisca quale sia il punto focale della questione e che  si distragga facilmente.  

La soluzione migliore è quella di prepararsi una breve presentazione che ci rappresenti al  meglio e che non abbia una durata superiore ai 5 minuti. In questo modo l’altra parte sarà  attenta a quel che si dice e avrà la possibilità di interagire facendo delle domande utili ad  avviare al meglio una conversazione.  

Mantenere i contatti nel tempo  

Fare rete a livello lavorativo significa anche mantenere i contatti acquisiti durante le  precedenti esperienze lavorative. Sia nel caso in cui si tratti di ex colleghi che di  professionisti incontrati in occasione di meeting o fiere.  

Qualsiasi persona incontrata sul proprio cammino può rivelarsi utile per un balzo di carriera,  per venire in contatto con nuove opportunità lavorative, ma anche aumentare le proprie  competenze.  

Location online e offline  

Creare la propria rete di contatti è un’attività che può essere svolta sia online che offline. In  entrambi i casi, tuttavia, è indispensabile valutare al meglio quali siano le occasioni a cui  dedicare una maggior quantità di tempo e viceversa.  

Le migliori situazioni online si possono identificare su Linkedin o, in alternativa, all’interno di  forum di settore che mettono in contatto professionisti che provengono dallo stesso ambito.  D’altro canto, è bene non trascurare nemmeno le occasioni offline, che possono essere  frutto di legami profondi e collaborazioni durature. Non bisogna dimenticare, infatti, che alle  volte basta uno scambio di battute con qualcuno per capire il feeling e, quindi, avviare in  quattro e quattr’otto una collaborazione.  

Si possono, quindi, identificare con location offline le fiere di settore, le convention, i meeting  e i seminari. Anche in questo caso, il consiglio migliore è quello di porsi l’obiettivo di  prendere contatti professionali con un tot di persone. E di raggiungerlo ad ogni evento.



Condividi sui tuoi social

   
 

SEGUICI SU FACEBOOK

CERCHI LAVORO?
Un servizio gratuito che Atempospa.it mette a disposizione di coloro che vogliono entrare nel mondo del lavoro per la prima volta o vogliono cambiare lavoro in maniera dinamica!

Invia il tuo Curriculum
SEI UN'AZIENDA?
Registrarsi come azienda in Atempospa.it è il sistema più facile e semplice per poter cercare il personale qualificato in ogni momento e secondo le vostre esigenze.

Registrati
VUOI LAVORARE CON NOI?
Siamo sempre aperti a valutare talenti alla ricerca di nuove sfide lavorative.

Candidati

ULTIME NOTIZIE

LE NOSTRE CREDENZIALI

Atempo Spa è una realtà autorizzata, certificata e riconosciuta. Affidabilità e solidità per il vostro futuro lavorativo.