home > atempo informa > Come fare critiche costruttive

Come fare critiche costruttive

Pubblicato il 26 luglio 2021 in Consigli posto di lavoro da Lorenzo Nincheri

Al giorno d’oggi capita sempre più spesso di avere a che fare con persone che hanno la tendenza a fare  delle critiche. Lo si può vedere in tv, sul web e, ovviamente, anche sul lavoro. Ricevere un giudizio non  richiesto sulle proprie azioni da parte di altre persone non è mai piacevole. Eppure, molto spesso, una  valutazione fatta da un parere esterno molte volte risulta essere necessaria per crescere ed evolversi.  

E’ così che, una semplice critica fatta solo per giudicarci può far star male. Una critica costruttiva, invece,  può risultare determinante per renderci delle persone migliori . L’unico problema a riguardo è  che, l’arte della critica costruttiva, è un’abilità che attualmente possiedono in poche persone. Come farle,  quindi, nel modo corretto?  

Che cos’è una critica costruttiva?  

Una critica costruttiva è quel giudizio che viene fatto con il preciso scopo di focalizzare l’attenzione su un  aspetto che la persona in questione sta trascurando o non sta proprio prendendo in considerazione. Per  effettuare questa valutazione nel modo più corretto, tuttavia, è bene fare attenzione che siano presenti  due elementi fondamentali:  

  1. Atteggiamento: esprimere un giudizio negativo limitandosi a fare  critiche distruttive è un attacco gratuito nei confronti di una persona. Se, invece, ci si pone nei confronti  dell’individuo che si ha di fronte proponendogli un comportamento alternativo oppure un suggerimento  per migliorarsi, allora la questione è ben diversa.  
  1. Reale potenzialità di evoluzione: prima di esprimere un giudizio nei confronti di una persona è  indispensabile utilizzare l’empatia e mettersi nei suoi panni. Fare una critica a qualcuno su una questione  che non può essere in alcun modo cambiata, potrebbe generare solamente angoscia, tristezza e  depressione. Ne vale davvero la pena?  

Gli errori più comuni  

Se le intenzioni sono quelle di aiutare qualcuno a migliorarsi, è indispensabile fare attenzione a non  commettere errori nel momento in cui ci si esprime con la persona in questione. Il rischio, altrimenti, è  quello di fare più danni che altro. Ecco di seguito, quindi, gli errori più comuni che bisogna fare attenzione a  non commettere.  

Sottovalutare il tono di voce  

Il modo in cui vengono dette le cose, così come il tono adottato per esprimere un concetto, sono  importanti tanto quanto quello che si dice. Una critica costruttiva preziosa potrebbe provocare seri danni o  essere bocciata a priori se detta utilizzando un tono di voce sbagliato.  

Non usare l’empatia  

Prima di esprimere un giudizio è indispensabile mettersi nei panni dell’altra persona. Ma anche valutare le  eventuali circostanze che possano averla portata a pensare o ad agire in un determinato modo. Così come  non bisogna trascurare le potenziali risorse a sua disposizione per fronteggiare il problema. Altrimenti,  anche un commento detto in buona fede potrebbe essere percepito come un attacco personale. 

Credere di avere sempre ragione  

Un altro grande errore che viene commesso con molta frequenza è dato dalla presunzione di avere ragione.  Eppure, non è così. Prima di parlare, infatti, bisognerebbe valutare tutte le possibili motivazioni che hanno  portato a compiere quella determinata azione.  

Come fare una critica costruttiva?  

Dopo aver valutato nei paragrafi precedenti quali siano gli aspetti da tenere in considerazione prima di  esprimere un giudizio e quali errori bisogna evitare, ecco come approcciarsi nel modo giusto.  

Pensare alla critica come ad un’opinione  

La critica costruttiva deve essere sempre posta come un’opinione personale. Ma, soprattutto, è bene  tenere in considerazione che il comportamento sbagliato di una persona (secondo quello che è il nostro  punto di vista) non lo trasforma in automatico in un incompetente. A tutti può capitare di sbagliare in  quanto esseri umani. Anche alle persone apparentemente più infallibili. Per evitare che la critica venga vista  come un attacco personale, quindi, è bene non mettere in alcun modo in discussione il valore della  persona.  

Suggerire, mai imporre  

Proprio perché la critica costruttiva è un’opinione, non deve mai essere imposta. Non bisogna dimenticare,  infatti, che il concetto che si sta esprimendo è volto a cercare di migliorare un aspetto della vita di chi si ha  di fronte. La soluzione migliore in questi casi è quella di assumere per quanto possibile un tono umile e  amichevole ma, soprattutto, aperto al confronto. E, ovviamente, cercare di instaurare un dialogo piuttosto  che imporsi con un monologo.  

Non generalizzare  

Nel momento in cui si vuole esprimere una critica è necessario non soffermarsi ad un concetto generale.  Ma, piuttosto, approfondire quanto più possibile andando al cuore della questione. Quanto più si è  specifici, infatti, meno la persona si sentirà attaccata.  

Da evitare, quindi, esternazioni del tipo “Ti comporti sempre così”. Approfondire, invece, con dichiarazioni  tipo “Hai valutato anche questa opzione? Io, ad esempio, in questa situazione ho fatto così ed ho ottenuto  questo risultato”. Il tutto, ovviamente, con un tono di voce giusto.  

Essere empatici  

Cosa può spingere una persona a reagire in un determinato modo piuttosto che in un altro? Tutto dipende  dal suo background e dalle esperienze vissute in passato. Per esprimere una critica costruttiva che venga  accettata, è indispensabile cercare di mettersi per quanto possibile nei panni dell’altro ascoltando le  motivazioni che lo hanno spinto a compiere quella determinata azione. La parola d’ordine prima di parlare  è aprire la propria mente.  

Dare un supporto  

Prima di parlare è importante intavolare un discorso volto al miglioramento. E’ indispensabile, quindi,  offrire il proprio supporto all’altra persona. E, magari, tenere aperto un dialogo che abbia il fine di trovare  insieme una soluzione attraverso un costante confronto.



Condividi sui tuoi social

   
 

SEGUICI SU FACEBOOK

CERCHI LAVORO?
Un servizio gratuito che Atempospa.it mette a disposizione di coloro che vogliono entrare nel mondo del lavoro per la prima volta o vogliono cambiare lavoro in maniera dinamica!

Invia il tuo Curriculum
SEI UN'AZIENDA?
Registrarsi come azienda in Atempospa.it è il sistema più facile e semplice per poter cercare il personale qualificato in ogni momento e secondo le vostre esigenze.

Registrati
VUOI LAVORARE CON NOI?
Siamo sempre aperti a valutare talenti alla ricerca di nuove sfide lavorative.

Candidati

ULTIME NOTIZIE

LE NOSTRE CREDENZIALI

Atempo Spa è una realtà autorizzata, certificata e riconosciuta. Affidabilità e solidità per il vostro futuro lavorativo.