home > atempo informa > 7 consigli per gestire lo stress da lavoro ed evitare il burnout

7 consigli per gestire lo stress da lavoro ed evitare il burnout

Pubblicato il 2 settembre 2020 in Consigli posto di lavoro da Lorenzo Nincheri

Il lavoro fa parte della vita dell’essere umano. Soprattutto nelle società moderne ed industrializzate, tutti siamo sempre più indaffarati, impegnati, concentrati e completamente immersi nelle nostre attività professionali. Come se non bastasse sono tanti coloro che non “staccano la presa” e portano il lavoro anche a casa. Viviamo in società dove l’immediatezza, la produzione sfrenata, il consumismo sono elementi che regolano la nostra vita. In uno senario del genere aumenta anche lo stress da lavoro, con tutto il malessere psico-fisico che questo comporta. Ci sono dei consigli utili ed efficaci per imparare a gestire lo stress sul posto di lavoro. Di seguito voglio proporti 7 metodologie e consigli che ti sosterranno al lavoro, combattendo lo stress.

Il lavoro e lo stress

Anche tu fai parte di quella categoria di persone sempre oberate di lavoro? Hai tante scadenze da rispettare, con obiettivi da raggiungere nel migliore dei modi in poco tempo? Hai talmente tanto lavoro da svolgere, che spesso fai straordinari oppure ti porti il lavoro a casa? Ebbene, tranquillo, non sei il solo. Come te, la maggior parte dei lavoratori odierni fa parte del club. Tutto questo potrebbe farti pesare la tua attività professionale, facendo sorgere in te dei sentimenti negativi che magari prima non provavi. Lo stress oggi è una componente che fa parte di quasi tutti i mestieri, o almeno della maggior parte di essi. Si tratta di una reazione che si manifesta nel momento in cui il soggetto percepisce uno squilibrio tra le pressioni esterne e le proprie risorse a disposizione. Questo comporta un generale senso di malessere sia fisico che psichico. Le realtà professionali, sono quelle in cui lo stress si sviluppa più facilmente, interessando ogni anno sempre più lavoratori. Ovviamente lo stress da lavoro dipende anche dalla professione svolta, dalle caratteristiche personali del soggetto e dalle concrete mansioni svolte. Nei casi più gravi si può arrivare alla sindrome di burnout, derivante dallo stress cronico associato al contesto lavorativo che non si riesce a gestire, provocando nel soggetto delusione, logoramento, negatività, disinteresse, affaticamento e tanto altro.

Le cause che portano allo sviluppo dello stress sul posto di lavoro

Ti starai giustamente chiedendo: quali sono le cause che comportano la nascita e lo sviluppo dello stress da lavoro? Ebbene, possono essere svariate, come ad esempio:

• la paura di essere licenziato. Soprattutto se lavori per un’azienda in difficoltà, che necessita di effettuare dei tagli sul personale, ti troverai ad affrontare una situazione particolarmente stressante, in quanto farai di tutto per “metterti in mostra” cercando di convincere il tuo datore di lavoro che sei indispensabile ed ancora utile all’azienda;

• orari di lavoro extra. Spesso ti sarai trovato a dover lavorare di più, affrontando quelli che più comunemente sono chiamati straordinari oppure orari di lavoro extra;

• la pressione dovuta all’incremento delle aspettative. Quando il datore di lavoro si aspetta un maggior impegno e produttività dai suoi dipendenti, con l’incremento degli obiettivi da raggiungere, ti troverai completamente immerso in una realtà articolarmente faticosa e stressante da gestire;

• cambiamenti improvvisi. Può capitare che gli obiettivi e la mission cambino improvvisamente. Ebbene, anche in questo caso sarai sottoposto a più carico lavorativo, a maggiore pressione ed insicurezza che si traducono molto facilmente in stress da lavoro.

Come riconoscere lo stress da lavoro

Altro quesito che potresti porti è: come capire che si è stressati? Anche lo stress si fa sentire inviando dei segnali ben precisi e riconoscibili. Insomma, dei segnali di avvertimento che ti invitano a correre ai ripari prima che la situazione possa sfuggirti di mano. Il tuo umore cambierà, facendo spazio a pensieri negativi, con tanto di perdita di fiducia in sé stessi e negli altri. Ed ancora: umore instabile, tendente al nervoso, all’aggressivo, perdita di interesse nel lavoro svolto, affaticamento, problemi di insonnia, perdita della concentrazione, ansia, depressione. A questi sintomi si associano anche quelli di carattere fisico, come: tensioni muscolari, emicrania e mal di testa, problemi cutanei, reflusso gastrico e problematiche allo stomaco, aumento della pressione. Generalmente sono questi i primi campanelli di allarme a cui dovrai fare attenzione, che ti avvisano che qualcosa non funziona più come prima.


I consigli per gestire al meglio lo stress da lavoro

Non ti abbattere, in quanto c’è sempre una via d’uscita o comunque un modo per imparare a gestire la situazione stress da lavoro, continuando a vivere bene e a lavorare nel migliore dei modi. Anche se il lavoro senza alcun tipo di pressione e preoccupazione non esiste, questo non significa che sei destinato a vivere male le tue giornate, non significa che sei destinato a non operare nel migliore dei modi e soprattutto ad essere professionalmente infelice. Ecco 7 importanti ed utili consigli che ogni giorno ti aiuteranno ad affrontare la tua giornata lavorativa in maniera positiva e produttiva, scacciando lo stress.

1 -Fai attività fisica, allenando il corpo e la mente

Concediti dei momenti dedicati all’attività fisica. Cerca di dedicarti, nel tuo tempo libero, a tutto ciò che ti piace e ti gratifica, dando spazio ai tuoi hobby. Diverse ricerche scientifiche hanno appurato come fare regolarmente sport, aiuta a rilassare la mente, stimola la concentrazione, fa bene al benessere sia fisico che mentale. Durante la pausa pranzo esci a fare due passi, soprattutto se le condizioni metereologiche lo consentono. Se la tua azienda possiede una palestra interna,usufruiscine, anche durante il lunch break, tornerai a lavorare in modalità più distesa e tranquilla.

2- Pensa positivo

Ridere è importantissimo nella vita, in quanto ti aiuta ad affrontare anche le situazioni critiche, con maggior ottimismo e forza. Per questo motivo, imparare a pensare positivo, vedendo “il bicchiere mezzo pieno” è un’ottima strategia per combattere e gestire lo stress da lavoro. Cerca di costruire dei rapporti positivi, di circondarti di gente allegra, in grado di tirarti su di morale. Frequentare un amico simpatico, spontaneo, allegro, ti darà quel pizzico di ottimismo che è costruttivo non solo da un punto di vista professionale ma anche personale.

3- Conduci una vita sana

Se abbracci uno stile di vita sano, potrai avere dei benefici non solo a livello fisico ma anche mentale. La mente ha bisogno di tutta una serie di vitamine, sali minerali, proteine, zuccheri e tante altre sostanze nutritive. Per questo motivo, oltre ad una sana attività fisica, è importante che ti concentri anche sull’alimentazione. In fondo siamo ciò che mangiamo. Ricordati di non saltare mai i pasti ed in particolar modo la colazione, che ti offre tutta l’energia necessaria per incominciare la giornata con il piede giusto. Ebbene, lo stress si combatte anche a tavola, prediligendo frutta, verdura, carboidrati complessi, prodotti ricchi di vitamine, in particolare la A ed il magnesio. Non sottovalutare “la merenda”, scegliendo yogurt, frutta, mandorle, snack salutari, succhi di frutta. Solitamente quando sei stressato, il tuo cervello rilascia l’ormone cortisolo, il quale ti fa aumentare la voglia di cibi salati, dolci e ricchi di grassi. In realtà questi sono proprio i cibi che vanno ad aumentare lo stress, dunque cerca di evitarli.

4- Cura la qualità del sonno

La quantità e la qualità del sonno che ti concedi è molto importante. Dormire il giusto, ossia tra le 7 e le 8 ore per notte, ti aiuta a concentrarti sul posto di lavoro e non solo. Recenti studi hanno confermato che la scarsa quantità e qualità del sonno, influiscono negativamente sulle performance professionali, esponendoti maggiormente al rischio di stress da lavoro. Dormire male influisce in maniera negativa sul tuo umore, ma anche sulle tue prospettive e modo di vivere la giornata. Non sperare di poter ridurre lo stress oppure di gestirlo se hai carenza di sonno, in quanto molto improbabile e difficile. Un consiglio che voglio darti è quello di seguire una routine, ossia di cercare di andare a letto più o meno alla stessa ora. In questo modo abituerai il corpo e la mente a seguire
determinati ritmi, che favoriscono il riposo.

5- Prediligi l’organizzazione

Altro consiglio molto utile, è quello di essere ben organizzato. Questo significa pianificare il lavoro ed i compiti che ogni giorno devi svolgere, in maniera da non accumulare del lavoro arretrato. Ciò ti consentirà di ottimizzare il tuo operato. Dai la priorità alle scadenze più urgenti, organizza ed ottimizza il tempo che passi in ufficio. Infatti, avere lavoro arretrato e scadenze imminenti, non fa assolutamente bene al relax mentale e spesso comporta l’insorgere di stress. Non cercare di fare più cose contemporaneamente, rinuncia al cosiddetto multitasking, in quanto è fonte di pressione e spesso anche di imprecisione.

6- Cura il tuo ambiente di lavoro

Spesso lo stress arriva anche dal grado di comfort della tua postazione lavorativa. Fai attenzione alla disposizione degli oggetti, ad avere una sedia comoda, regolata alla giusta altezza rispetto alla scrivania e computer. Considera che passi gran parte del tuo tempo in ufficio, dunque se è progettato o comunque arredato non in modalità ottimale, ne risentirai negativamente. Immagina di operare in un ambiente disordinato, dove non riesci a trovare il materiale di cui hai bisogno. Tutto questo porta a nervosismo, perdita di tempo, e di conseguenza a forme di stress.

7- Non cadere nella trappola del perfezionismo

Spesso a lavoro si tende a voler apparire perfetti, dimostrando ai colleghi ed al datore di lavoro che si hanno a disposizione delle qualità davvero eccezionali ed utili all’azienda. Ebbene, questo sicuramente è un fattore positivo, tuttavia non peccare di perfezionismo. Ricordati che siamo esseri umani e non macchine perfette. Impara dagli errori, senza crearti troppi problemi. Se sbagli non è la fine del mondo, in quanto ti servirà da lezione in maniera tale che la prossima volta farai meglio. Sbagliare è la fonte primaria e più efficace di insegnamento, anche sul posto di lavoro. 

Questi consigli potranno esserti utili per gestire al meglio lo stress che inevitabilmente fa parte di qualsiasi tipo di lavoro e mansione.



Condividi sui tuoi social

   
 
CERCHI LAVORO?
Un servizio gratuito che Atempospa.it mette a disposizione di coloro che vogliono entrare nel mondo del lavoro per la prima volta o vogliono cambiare lavoro in maniera dinamica!

Invia il tuo Curriculum
SEI UN'AZIENDA?
Registrarsi come azienda in Atempospa.it è il sistema più facile e semplice per poter cercare il personale qualificato in ogni momento e secondo le vostre esigenze.

Registrati
VUOI LAVORARE CON NOI?
Siamo sempre aperti a valutare talenti alla ricerca di nuove sfide lavorative.

Candidati

ULTIME NOTIZIE

LE NOSTRE CREDENZIALI

Atempo Spa è una realtà autorizzata, certificata e riconosciuta. Affidabilità e solidità per il vostro futuro lavorativo.