Il Lavoro in Somministrazione è Lavoro Dipendente, sempre.



Il lavoro “interinale” è presente come forma contrattuale specifica nell’ordinamento italiano da più di 20 anni. E’ infatti stato introdotto con il “Pacchetto Treu”, Legge 196/1997; è poi stato modificato in alcuni dei suoi tratti caratteristici nel 2003, con la “Legge Biagi” (D.lgs. 276/2003) che l’ha rinominato “Lavoro in Somministrazione”.

Le Agenzie per il Lavoro sono oggi ampiamente diffuse su tutto il territorio italiano, sono rappresentate  per l’85% del totale del mercato di riferimento da Assolavoro - associazione di categoria - e propongono un’ampia offerta di servizi qualificati nel mondo del lavoro, rivolgendosi ad aziende e candidati/lavoratori. 

Persistono tuttavia, anche oggi, situazioni in cui la tipologia contrattuale del lavoro in somministrazione viene confusa con altre forme di lavoro, assimilata genericamente a contesti che non le corrispondono, e in molti casi il lavoro in somministrazione viene evocato come forma di lavoro sotto tutelato. 

Il lavoro in Somministrazione è invece la forma di lavoro flessibile che garantisce le maggiori tutele per aziende e lavoratori in Italia. Non solo: è da sempre un efficace strumento di contrasto al lavoro irregolare, in “nero”.

Negli articoli già pubblicati da Atempo sono stati approfonditi ed esplorati i vantaggi e le garanzie che il ricorso al lavoro in somministrazione offre alle aziende; vediamo ora quali sono gli aspetti di valore aggiunto nei confronti di candidati che mettono a disposizione la propria professionalità alle ApL, e dei lavoratori che assumono un incarico in somministrazione:

  • Tutti i servizi che l’Agenzia per il Lavoro propone a candidati e lavoratori sono esclusivamente gratuiti e Atempo ne garantisce lo svolgimento attraverso personale qualificato e preparato: registrazione in banca dati della candidatura, servizi di orientamento, formazione professionale prima e durante gli incarichi di lavoro, attività di selezione e tutte le pratiche connesse alla gestione di un contratto di lavoro.
  • L’Agenzia per il Lavoro, per legge, non può e non deve ricevere compensi dai candidati e dai lavoratori. Nulla viene richiesto in fase di candidatura e selezione, né vengono operate trattenute in busta paga: mai e per nessun motivo. L’ApL ha la propria fonte di guadagno nei corrispettivi che le Aziende Utilizzatrici pagano per i servizi pattuiti e contrattualizzati, nel rispetto delle regole e delle norme di legge.
  • Il candidato che in seguito ad un processo di selezione e/o formazione mirata assume un incarico di lavoro presso un’azienda cliente dell’ApL ha gli stessi diritti e la medesima tutela di un lavoratore dipendente diretto dell’azienda utilizzatrice: si tratta di lavoro dipendente tutelato in termini di inquadramento da CCNL, retribuzione, erogazioni aggiuntive collettive quali premi e benefits, prestazioni INPS e Inail (tutela e retribuzione in caso di malattia, infortunio, maternità), versamento dei contributi di legge, diritto alle ferie, erogazione di tredicesima e mensilità aggiuntive, maturazione del TFR, Assegni Nucleo Famigliare, Detrazioni, informativa formazione e dispositivi di protezione in relazione alle norme sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro, partecipazione alle iniziative e assemblee sindacali.
  • Ponendo il focus sui candidati più giovani, l’Agenzia per il Lavoro rappresenta un ottimo canale di continuità con i percorsi scolastici e di formazione professionale: è infatti autorizzata ad attivare contratti di Alternanza Scuola-Lavoro e di Apprendistato.
  • Oltre ad essere un buon veicolo di ingresso nel mondo del lavoro per i più giovani, il lavoro in somministrazione, tipicamente a tempo determinato, si traduce con frequenza in opportunità di lavoro stabile e a tempo indeterminato sia con l’ApL sia con l’azienda utilizzatrice. I contratti a tempo indeterminato stipulati dalle Agenzie per il Lavoro sono in costante aumento: se nel 2007 erano in totale 2.700, lo scorso anno 2017 sono stati stipulati ben 37.000 contratti di lavoro a tempo indeterminato dalle Agenzie.

Per chi ancora non ha avuto occasione di conoscere l’attività e le opportunità che le ApL propongono a candidati e lavoratori, le filiali Atempo sono a disposizione per fornire le indicazioni e gli approfondimenti utili e soprattutto per conoscere il vostro curriculum e le vostre aspirazioni professionali. Tante le aziende che, attraverso i servizi Atempo, sono sempre alla ricerca del candidato “ideale”!